Sede: Via Guglielmo Marconi, 6 - 10034 Chivasso (Torino) - Tel. 011 9102246 - C.F. 91002350014
Succursale: Via Paleologi, 22 - 10034 Chivasso - Tel. 011 9112236 - Fax 0119116909
Recensione del film "Mio fratello rincorre i dinosauri"

Recensione a cura del nostro studente Matteo Capanna

Titolo del fim "Mio fratello rincorre i Dinosauri"

Il 23 ottobre diverse classi dell'IIS Europa Unita si sono recate al cinema Politeama di Chivasso a vedere Mio fratello rincorre i dinosauri, film interpretato, tra gli altri, da Alessandro Gassman e Isabella Ragonese.

Il film è unico nel suo genere, riesce a mettere in risalto l'aspetto umano della disabilità con tutte le problematiche legate ad essa. 

La trama del film è molto avvincente. Il protagonista, Jack, un giorno scopre dai suoi genitori che avrà un fratellino. La notizia lo riempie di gioia, finalmente non sarà più solo a combattere contro le sue sorelle.

I genitori di Jack, molto aperti e democratici, quando vengono a sapere dai dottori che il figlio sarebbe nato con la Sindrome di Down decidono lo stesso di continuare la gravidanza spiegando ai loro figli che avranno un fratellino molto speciale.

Inizialmente Jack è felice del suo fratellino Giò, crede che abbia dei superpoteri perchè è speciale e infatti lo è. Giò è un bambino sensibile, vivace, curioso. Tuttavia, con il passare degli anni, per Jack quel fratellino speciale diventa fonte di imbarazzo e vergogna, soltanto davanti al suo amico del cuore Vitto riesce a essere sé stesso, a non vergognarsi, perchè sono cresciuti insieme.

Jack a quattordici anni deve decidere a quale liceo iscriversi e sceglie appositamente una scuola lontana da casa e da Giò, qui conosce nuovi amici e si innamora di una ragazza a cui tiene nascosta qualsiasi informazione inerente la sua famiglia e in particolare il fratellino.

Alla fine Jack si renderà conto di aver sbagliato tutto, che quel fratellino affetto da sindrome di Down è davvero speciale. Giò, infatti,  riesce a fargli capire il vero senso della vita che è quello di essere sé stessi andando contro alcune convenzioni sociali, secondo le quali l'essere perfetti dà diritto a un'inclusione che in realtà non esiste. Ma soprattutto Giò gli fa capire quanto la famiglia e l'unione familiare siano importanti.

Gli esseri speciali sono tanti e rendono ancora più speciale questo pazzo mondo.

 


Pubblicata il 12 novembre 2019

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.