recupero sostegno

L’Istituto attiva interventi di recupero ed aiuto per gli studenti in difficoltà durante tutto il corso dell’anno scolastico in modo da offrire a tutti l’opportunità di miglioramento e di successo scolastico. Gli interventi sono completamente gratuiti per la famiglia.

Le attività sono comunicate ad alunni e famiglie, documentate dagli insegnanti, registrate dai Consigli di classe nelle forme e negli esiti.

La frequenza alle attività è obbligatoria per gli studenti indicati e l’assenza deve essere giustificata

Attività finalizzata al recupero di debiti formativi

Gli studenti che sono stati promossi alla classe successiva con debito scolastico devono oltre che dimostrare impegno e studio personale, partecipare ai corsi ed agli interventi con profitto per potere recuperare, secondo le modalità proposte dai Consigli di Classe e dai singoli docenti.


 

Corsi di recupero (in orario pomeridiano)

  • ogni corso ha durata massima di 6-8 ore fuori dall’orario di lezione;
  • il corso è attivato dal docente della classe o da un altro dell’istituto;
  • il corso si attiva con un minimo di 4 ed un massimo di 15 studenti, di 10 se provenienti da classi diverse;
  • Il corso si attiva solo se il numero di alunni della classe supera i 12
  • il corso si conclude con una verifica e la comunicazione dei risultati al Consiglio di Classe;

I corsi di recupero possono essere attivati anche nel mese di settembre, prima dell'inizio delle lezioni, in modo da permettere un miglioramento in ingresso al nuovo anno scolastico, sia per gli studenti con il debito formativo, sia per quelli che hanno bisogno di sostegno e potenziamento nella disciplina.

Gli studenti interessati o segnalati dagli insegnanti alla partecipazione a tali corsi devono chiedere informazioni circa il calendario e le discipline in segreteria alunni.


 

Interventi di recupero durante le attività curricolari

  • ogni insegnante attiva interventi di recupero in gruppo e/o individualizzato durante le sue ore di lezione, per la durata ed i contenuti che ritiene opportuni
  • il docente assegna compiti personalizzati, anche da eseguite a casa
  • l’organizzazione ed i risultati sono registrati e comunicati al Consiglio di Classe

 

Sportello Didattico

  • ogni docente può attivare , da novembre a giugno e dietro richiesta formale, attività di recupero o potenziamento su argomenti specifici svolti nelle lezioni, anche in preparazione di verifiche orali e scritte;
  • lo sportello deve essere richiesto dagli studenti prima della sua attivazione;
  • gli sportelli devono essere richiesti fuori orario di lezione

 

Interventi di aiuto e sostegno psicologico

La scuola è il luogo privilegiato dove favorire "la crescita e la valorizzazione della persona umana, nel rispetto dei ritmi dell'età evolutiva, delle differenze e delle identità di ognuno e delle scelte educative della famiglia, nel quadro della cooperazione tra scuola e genitori, in coerenza con il principio dell'autonomia delle istituzioni scolastiche e secondo i principi sanciti dalla Costituzione" ( Legge 53- 28 marzo 2003- art.1 n°1).

Gli studenti che raggiungono successi scolastici sono anche quelli che crescono serenamente e sanno affrontare con le loro forze il lavoro scolastico.

I ragazzi in fase adolescenziale evidenziano particolari bisogni educativi; per questo l'istituto risponde attivando servizi di supporto psicologico.

A tale scopo si attivano le risorse professionali interne dei docenti competenti insieme a quelle di esperti esterni.

Interventi di supporto educativo e formativo

  • Progetto accoglienza
  • Interventi di orientamento e di riorientamento condotti da docenti e da esperti
  • ad individuare un progetto personale di vita
  • al proseguimento degli studi
  • al lavoro
  • Ore di “ascolto” colloqui fuori orario scolastico gestiti da docenti esperti
  • Interventi di sostegno ed integrazione per studenti stranieri in difficoltà di apprendimento

Educazione alla convivenza civilemani che si stringono

Una grande quantità di iniziative organizzate dall’istituto o proposte dagli studenti vengono realizzate ogni anno. Esse mirano a rispondere il più possibile alle specifiche esigenze formative dell’utenza, favorendo inoltre un’atmosfera serena e di collaborazione.

L'educazione alla convivenza civile si configura come disciplina trasversale, cioè come attività ordinaria e comune a tutte le discipline, nella logica dei principi chiave che ispirano l'offerta formativa dell'istituto.

I progetti che si svilupperanno, già in parte attuati nell'istituto, toccheranno le seguenti tematiche:

  • Prevenzione rispetto alle dipendenze (tossicodipendenza, alcolismo ecc.) con spazi dedicati al disagio adolescenziale e all'educazione relazionale e affettiva
  • Volontariato e solidarietà (con momenti dedicati alla donazione di organi e sangue)

I consigli di classe decideranno quale aspetto disciplinare dovrà essere approfondito valutando le esigenze degli allievi, anche in base alle diverse fasce di età.

per portare avanti tali progetti la scuola si avvarrà anche di esperti esterni (quali medici dell'Asl, volontari delle associazioni del territorio) oltre al proprio personale interno.

Ricordiamo infine l'educazione ambientale, trattata in particolare con interventi interdisciplinari nelle ore di materie scientifiche quali Scienze, Chimica e Diritto con l'obiettivo di stimolare gli allievi ad una giusta riflessione sulle tematiche ambientali.